I M P R O N T A

ASSOCIAZIONE CULTURALE

info@impronta-associazione-culturale.it

Home                       Segnala qui l'avvistamento         Indagini      Argomenti    Casistica    Conferenze

UFOLOGIA

La necessità di "SAPERE" ci ha condotto dalle grotte allo shuttle. Ed il nome dell'Associazione culturale di cui faccio parte è
"IMPRONTA".
   Una impronta è il logo dell'associazione: un'impronta di mani fatte da uomini coscienti della propria umanità, lasciate in
una grotta in Francia e risalenti a 19.000 anni fa. Migliaia di anni sono passati ed un'altra impronta, nel 1969 è stata fatta su un
mondo nuovo, la luna, da esseri che hanno percorso la via del sapere e della conoscenza...
   Ci attendiamo negli anni a venire altre impronte a nome e per conto della razza umana. Non è detto, però, che questo percorso
di autocoscienza e di sapere non sia stato fatto ieri oppure oggi, oppure che non lo sarà mai. In altri mondi, altre "UMANITA'",
simili o meno a noi poco importa, ed altre culture avranno pure percorso la via delle stelle e forse alcune sono arrivate alle stelle
prima di noi.
   Chissà se sono venute a sbirciare pure qui! E' un fatto, al di là delle smentite ufficiali e di depistaggio più o meno pesanti che
molti di noi hanno "VISTO" qualcuno o qualcosa. 
Ed è un fatto che il dire "se fossero venuti qui si sarebbero fatti vedere da tutti" non può essere preso come termine di paragone
per un ragionamento logico: se voglio studiare una colonia di formiche non disturbo... mi ci metto vicino e guardo; al limite ne
prendo qualcuna per studiarla...
   Il cervello della formica con la sua logica non capirà mai perché di punto in bianco si è trovata su un piano liscio, trasparente e
fortemente illuminato... Non dia fastidio al lettore il paragone con le formiche; potrà non essere confortante, ma non vuole essere
né offensivo né sfottente. Dobbiamo piuttosto renderci conto che i gradi di intelligenza presenti nell'universo potrebbero essere
profondamente diversi e ognuno pertanto fa quello che può, accedendo a quello che lo circonda con spirito più o meno critico; sia
che si tratti dei dintorni di un formicaio ovvero di tutto l'universo.
  Con queste premesse alcuni hanno iniziato da tempo uno studio ed una ricerca che consentisse ai non militari (dotati peraltro di
budget di miliardi di dollari), di poter saper qualcosa in più di quello che il semplice cittadino potrebbe sapere.
   L'Associazione Impronta già si è occupata, nella persona del suo Presidente, del sottoscritto e di altri, di etnomusicologia e
tradizioni popolari, studiando e catalogando feste, tradizioni popolari e ricordi della gente. In questa ottica il collegamento
dell'Associazione Impronta, voluto anche dal Presidente,Salvatrice Migliaccio, grande compagna di viaggio nel difficile sentiero
della vita, con il C. U. N. (Centro Ufologico Nazionale) è un fatto quasi  naturale. Infatti il C. U. N., sin dal 1966 si è posto 
come centro di raccolta e di studio serio e disincantato nei confronti del fenomeno UFO; proprio perché si tratta di oggetti non
identificati che coinvolgono sia la sfera fisica che psicologica, l’argomento è da trattare con le molle. Difatti se in tale studio e
raccolta non si è liberi da preconcetti, si rischia di cadere nello scetticismo aprioristico che invaliderebbe qualsiasi approccio
sereno al problema, oppure si potrebbe sconfinare nella fuga fideistica anch’essa invalidante sul piano della ricerca, ma altrettanto
comoda per la liquidazione del problema tout court.
   Il C. U. N. ha avuto la forza di restare quello che la sua dicitura recita: Centro Ufologico Nazionale per lo studio della
fenomenologia UFO. Di studio, infatti, si tratterà nel proseguo (speriamo) della nostra attività.
   Obiettivo della nostra discesa in campo è quello dello studio della casistica che potrà presentarsi nella nostra provincia; del
supporto alle province vicine di Trapani ed Agrigento che sono un po’ disagiate dal punto di vista logistico; e della divulgazione
della conoscenza del fenomeno UFO.
   Chi ha interesse morale ad aprire la propria mente a ciò che la vita ed il nostro universo ci possano offrire in termini di
conoscenza, è giusto che abbia la possibilità di fruire di un centro che possa non solo mettere a disposizione di tutti le proprie
ricerche e conoscenze, ma che possa essere punto di raccolta di informazioni che la gente comune tiene nascoste per la paura che
altri possano deriderli.
   Il rispetto della privacy sarà da parte nostra fondamentale e prioritari, affinché ognuno possa essere libero e sereno nel
comunicare ciò che ha visto o quello che è successo. In questa ottica e con tali premesse speriamo che il proseguo della nostra
attività ci porti lontano nel tempo e perché no nello spazio e ci auguriamo di essere forza seria, coscienziosa e propulsiva per
l'allargamento degli orizzonti della nostra conoscenza. 

Salvatrice Migliaccio

Vito Piero Di Stefano